Visa, MasterCard, PayPalShop with confidenceSecured by ThawteKlarna

Lavorazione del caffè dopo la raccolta

I processi industriali per la preparazione dei chicchi di caffè devono essere iniziati direttamente dopo la raccolta, in caso contrario subentra un processo di fermentazione della polpa di frutta e il prodotto di conseguenza deperisce. La preparazione può avvenire o dopo l’essiccazione o tramite il metodo a umido.

Separazione della polpa di frutta dal nocciolo della ciliegia di caffè:

Separazione secondo il metodo a secco

Durante la preparazione secondo il metodo a secco si ottiene il caffè in gergo denominato "naturale". Le ciliegie di caffè raccolte vengono essiccate al sole per la durata di circa 4 settimane su una superficie grande circa 50m² per ettaro di piantagione. Durante questa fase devono essere rivoltate periodicamente, al fine di ottenere un’essiccazione omogenea. I semi secchi vengono sbucciati meccanicamente, facendoli passare attraverso due cilindri disposti ad una determinata distanza calibrata in modo tale da far poi cader fuori i chicchi. La separazione dei chicchi dai gusci avviene per mezzo di appositi vagli.

Separazione secondo il metodo a umido

Mediante il metodo a umido si ottiene un caffè chiamato in gergo "lavato". I frutti vengono grossolanamente prelavati e messi in ammollo per 36 ore in acqua. Qui i frutti maturi si depositano sul fondo del bacino (immersione), mentre le ciliegie di caffè non mature e sovramature galleggiano in superficie. Per separare la polpa di frutta dal nocciolo, le ciliegie di caffè mature vengono pressate attraverso un vaglio oppure frantumate per mezzo di appositi cilindri.

Lo strato di muco che rimane sul nocciolo viene eliminato tramite fermentazione. I residui di fermentazione vengono successivamente lavati via con acqua fresca abbondante.

A causa dell’elevato consumo d’acqua non è possibile applicare il metodo a umido con fermentazione nei caffè che richiedono una certa persistenza, malgrado producano un caffè grezzo di qualità migliore. Ma nel frattempo anche i macchinari sono in grado di rimpiazzare la fermentazione.

Brillatura

Durante la brillatura viene eliminata la membrana argentea del chicco di caffè. Questa non solo è poco bella sul chicco, ma può pregiudicare anche l’aroma durante la torrefazione. Ma non tutti i produttori di caffè grezzo sottopongono i loro chicchi di caffè alla brillatura.

Controllo di corpi estranei

Dopo la lavorazione del caffè grezzo, questo viene sottoposto ad una classificazione. Poiché questo processo avviene per mezzo di diversi metodi, quali ad esempio vagliatura o controllo visivo, qui è prevista anche una ricerca automatica per accertare se vi sono corpi estranei. Ad esempio, vengono scartati piccoli rami, pietre, residui di gusci o altri corpi estranei. Il fatto che nonostante ciò talvolta si intrufola qualcosa attraverso il controllo finale del prodotto naturale caffè è dimostrato da quasi ogni macina di una macchina superautomatica dotata di un sistema di riconoscimento di pietre.