Visa, MasterCard, PayPalShop with confidenceSecured by ThawteKlarna

La storia del caffè

Come tutte le leggende, anche l’origine del caffè è molto controversa. Almeno gli storici sembrano essere d’accordo in un punto: molto probabilmente già nel 13º secolo cresceva una specie selvaggia di pianta del caffè sulle catene montuose allora ancora impraticabili sulla costa dello Yemen. Si riferisce che qui una schiera di eremiti, che si nutriva di prodotti agricoli e allevamento di bestiame, osservava come le loro capre erano afflitte da inquietudine e insonnia non appena mangiavano determinate foglie e semi di questi arbusti sempreverdi. In seguito a ciò i monaci decisero di utilizzare questa pianta come alimento e bevanda.

L’abitudine del consumare la stimolante bevanda, allora chiamata "caffè arabico", si era poi diffusa fino in Egitto e più tardi anche in Turchia. In effetti l’antico Yemen venne conquistato nel 16º secolo dagli etiopici, più tardi dai persiani e arabi e infine dagli ottomani.

Cronologia della cultura di stare al caffè

1554 A Costantinopoli (oggi Istanbul) venne aperto il primo caffè
1647 Il primo caffè a Venezia sulla piazza San Marco
1650 Il caffè venne scoperto a Marsiglia, Amsterdam, Amburgo, Parigi e Londra e dopodiché nacquero i primi "caffè".
1685 A Vienna si apre il primo caffè fondato dall’armeno Johannes Theodat
1720 A Venezia viene fondato il caffè "Florian".
1723 A Venezia viene fondato il caffè "Aurora".
1760 A Roma viene fondato il caffè "Greco".
1733 Apertura del caffè "Gilli" a Firenze
1815 Apertura del caffè "Giacosa" a Firenze
1882 Apertura del caffè "Rivoire" a Firenze
1900 A Vienna si apre il 600º caffè

Dal 18º secolo fino a oggi

Verso la fine del 18º secolo e inizio del 19º secolo sull’isola di Martinica si estendono le prime piantagioni con circa 20 milioni di alberi di caffè, le cui sorte sono state introdotte dal capitano Mathieu de Cliau sulle sierra di Versailles. Partendo da Martinica le piantagioni si estesero anche alle rimanenti isole, in particolare le piccole Antille, ed entro breve tempo si raggiunse una produzione in grado di coprire 3/4 del fabbisogno europeo. A partire da questo momento in poi il "caffè orientale" fece registrare un forte calo. Oggi quasi l’intera produzione proviene dall’America centrale, Brasile e dalle regioni tropicali del Sudamerica. La produzione mondiale di caffè raggiunge circa 100 milioni di sacchi all’anno, dove il Brasile si trova primo in classifica con circa 1/4 della produzione, tenendo conto di un consumo proprio pari a 9 milioni di sacchi.